TUFO ASCENSORI s.a.s.
ASSOCIAZIONE
NAZIONALE
IMPPRESE
COSTRUZIONE
MANUTENZIONE
ASCENSORI


IMPIANTI
SICUREZZA
ASSISTENZA
PREVENTIVI
CONTATTI
HOME


DIRETTIVA 95/16/CE - PAGINA 1/4
  • SICUREZZA



  • DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 29 GIUGNO 1995 PER IL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI.
    CAPITOLO I CAMPO D'APPLICAZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E LIBERA CIRCOLAZIONE

    ARTICOLO 1

    1. LA PRESENTE DIRETTIVA SI APPLICA AGLI ASCENSORI IN SERVIZIO PERMANENTE NEGLI EDIFICI E NELLE COSTRUZIONI. ESSA SI APPLICA INOLTRE AI COMPONENTI DI SICUREZZA UTILIZZATI IN TALI ASCENSORI ED ELENCATI NELL'ALLEGATO IV.

    2. AI FINI DELLA PRESENTE DIRETTIVA, S'INTENDE PER ASCENSORE: UN APPARECCHIO CHE COLLEGA PIANI DEFINITI MEDIANTE UNA CABINA CHE SI SPOSTA LUNGO GUIDE RIGIDE E LA CUI INCLINAZIONE SULL'ORIZZONTALE SUPERIORE A 15 GRADI, DESTINATA AL TRASPORTO:
    DI PERSONE,DI PERSONE E COSE,SOLTANTO DI COSE SE LA CABINA ACCESSIBILE, OSSIA SE UNA PERSONA PUÒ ENTRARVI SENZA DIFFICOLTÀ, E MUNITA DI COMANDI SITUATI AL SUO INTERNO O ALLA PORTATA DI UNA PERSONA CHE SI TROVI AL SUO INTERNO.GLI ASCENSORI CHE SI SPOSTANO LUNGO UN PERCORSO PERFETTAMENTE DEFINITO NELLO SPAZIO, PUR NON SPOSTANDOSI LUNGO GUIDE RIGIDE, RIENTRANO NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA PRESENTE DIRETTIVA (PER ESEMPIO GLI ASCENSORI A PANTOGRAFO).

    3. SONO ESCLUSI DAL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA PRESENTE DIRETTIVA:
    GLI IMPIANTI A FUNE, COMPRESE LE FUNICOLARI, PER IL TRASPORTO PUBBLICO O NON PUBBLICO DI PERSONE;
    GLI ASCENSORI SPECIALMENTE PROGETTATI E COSTRUITI PER SCOPI MILITARI O PER MANTENERE L'ORDINE,
    GLI ASCENSORI AL SERVIZIO DI POZZI MINIERA,
    GLI ELEVATORI DI SCENOTECNICA,
    GLI ASCENSORI INSTALLATI IN MEZZI DI TRASPORTO,
    GLI ASCENSORI COLLEGATI A UNA MACCHINA E DESTINATI ESCLUSIVAMENTE ALL'ACCESSO AL POSTO DI LAVORO,
    I TRENI A CREMAGLIERA,
    GLI ASCENSORI DA CANTIERE.

    4. AI FINI DELLA PRESENTE DIRETTIVA:
    L'INSTALLATORE DELL'ASCENSORE È LA PERSONA FISICA O GIURIDICA CHE SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DELLA PROGETTAZIONE, DELLA FABBRICAZIONE, DELL'INSTALLAZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DELL'ASCENSORE, CHE APPONE LA MARCATURA CE E REDIGE LA DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ;
    LA COMMERCIALIZZAZIONE DELL'ASCENSORE HA LUOGO ALLORCHÉ L'INSTALLATORE METTE PER LA PRIMA VOLTA L'ASCENSORE A DISPOSIZIONE DELL'UTENTE;
    I COMPONENTI DI SICUREZZA SONO QUELLI ELENCATI NELL'ALLEGATO IV;
    IL FABBRICANTE DEI COMPONENTI DI SICUREZZA È LA PERSONA FISICA O GIURIDICA CHE SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DELLA PROGETTAZIONE E DELLA FABBRICAZIONE DEI COMPONENTI DI SICUREZZA, CHE APPONE LA MARCATURA CE E REDIGE LA DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ;
    L'ASCENSORE MODELLO UN ASCENSORE RAPPRESENTATIVO LA CUI DOCUMENTAZIONE TECNICA INDICHI COME SARANNO RISPETTATI I REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA NEGLI ASCENSORI DERIVATI DELL'ASCENSORE MODELLO, DEFINITO IN BASE A PARAMETRI OGGETTIVI E CHE UTILIZZI COMPONENTI DI SICUREZZA IDENTICI.NELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA SONO CHIARAMENTE SPECIFICATE (CON I VALORI MASSIMI E MINIMI) TUTTE LE VARIANTI CONSENTITE TRA L'ASCENSORE MODELLO E QUELLI CHE FANNO PARTE DEGLI ASCENSORI DERIVATI DALLO STESSO. E' PERMESSO DIMOSTRARE CON CALCOLI E/O IN BASE A SCHEMI DI PROGETTAZIONE LA SIMILARITÀ DI UNA SERIE DI DISPOSITIVI O DISPOSIZIONI RISPONDENTI AI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA.

    5. SE PER UN ASCENSORE I RISCHI DI CUI ALLA PRESENTE DIRETTIVA SONO PREVISTI, IN TUTTO O IN PARTE, DA DIRETTIVE SPECIFICHE, LA PRESENTE DIRETTIVA NON SI APPLICA O CESSA DI ESSERE APPLICATA A QUESTI ASCENSORI E A QUESTI RISCHI NON APPENA DIVENTANO APPLICABILI QUESTE DIRETTIVE SPECIFICHE.



    ARTICOLO 2

    1. GLI STATI MEMBRI ADOTTANO TUTTE LE DISPOSIZIONI NECESSARIE AFFINCHÉ:
    GLI ASCENSORI CUI SI APPLICA LA PRESENTE DIRETTIVA POSSANO ESSERE COMMERCIALIZZATI E MESSI IN SERVIZIO SOLTANTO SE, CORRETTAMENTE INSTALLATI, SOTTOPOSTI A MANUTENZIONE ADEGUATA ED UTILIZZATI SECONDO LA LORO DESTINAZIONE, NON METTONO A RISCHIO LA SICUREZZA E LA SALUTE DELLE PERSONE E EVENTUALMENTE LA SICUREZZA DEI BENI;
    I COMPONENTI DI SICUREZZA CUI SI APPLICA LA PRESENTE DIRETTIVA POSSANO ESSERE COMMERCIALIZZATI E MESSI IN SERVIZIO SOLTANTO SE GLI ASCENSORI, CORRETTAMENTE INSTALLATI, SOTTOPOSTI A MANUTENZIONE ADEGUATA ED UTILIZZATI SECONDO LA LORO DESTINAZIONE, SUI QUALI ESSI SARANNO INSTALLATI NON METTONO A RISCHIO LA SICUREZZA E LA SALUTE DELLE PERSONE E EVENTUALMENTE LA SICUREZZA DEI BENI.
    2. GLI STATI MEMBRI PRENDONO TUTTE LE MISURE UTILI AFFINCHÉ LA PERSONA RESPONSABILE DELLA REALIZZAZIONE DELL'EDIFICIO O DELLA COSTRUZIONE E L'INSTALLATORE DELL'ASCENSORE SI COMUNICHINO RECIPROCAMENTE GLI ELEMENTI NECESSARI E PRENDANO LE MISURE ADEGUATE PER GARANTIRE IL CORRETTO FUNZIONAMENTO E LA SICUREZZA DI UTILIZZAZIONE DELL'ASCENSORE.
    3. GLI STATI MEMBRI PRENDONO TUTTE LE MISURE NECESSARIE AFFINCHÉ I VANI DI CORSA PREVISTI PER GLI ASCENSORI NON CONTENGANO TUBAZIONI O INSTALLAZIONI DIVERSE DA QUELLE NECESSARIE AL FUNZIONAMENTO O ALLA SICUREZZA DELL'ASCENSORE.
    4. FATTI SALVI I PARAGRAFI 1, 2 E 3, LA PRESENTE DIRETTIVA LASCIA IMPREGIUDICATA LA FACOLTÀ DEGLI STATI MEMBRI DI STABILIRE, NELL'OSSERVANZA DEL TRATTATO, LE PRESCRIZIONI CHE RITENGANO NECESSARIE PER GARANTIRE LA PROTEZIONE DELLE PERSONE ALLORCHÉ GLI ASCENSORI IN QUESTIONE SONO MESSI IN SERVIZIO E UTILIZZATI, PURCHÉ ESSE NON IMPLICHINO MODIFICHE DI QUESTI ASCENSORI RISPETTO A QUANTO DISPOSTO DALLA PRESENTE DIRETTIVA.
    5. GLI STATI MEMBRI NON OSTACOLANO LA PRESENTAZIONE -IN PARTICOLARE IN OCCASIONE DI FIERE, ESPOSIZIONI, DIMOSTRAZIONI - DI ASCENSORI O DI COMPONENTI DI SICUREZZA NON CONFORMI ALLE DISPOSIZIONI COMUNITARIE IN VIGORE, PURCHÉ UN CARTELLO VISIBILE INDICHI CHIARAMENTE TALE NON CONFORMITÀ E L'IMPOSSIBILITÀ DI ACQUISTARE SIFFATTI ASCENSORI O COMPONENTI DI SICUREZZA PRIMA CHE SIANO RESI CONFORMI DALL'INSTALLATORE DELL'ASCENSORE O DAL FABBRICANTE DEI COMPONENTI DI SICUREZZA O DAL MANDATARIO DI QUEST'ULTIMO STABILITO NELLA COMUNITÀ. DURANTE LE DIMOSTRAZIONI DEVONO ESSERE PRESE ADEGUATE MISURE DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE DELLE PERSONE.



    ARTICOLO 3
    GLI ASCENSORI CUI SI APPLICA LA PRESENTE DIRETTIVA DEVONO RISPONDERE AI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E DI SALUTE PREVISTI ALL'ALLEGATO I. I COMPONENTI DI SICUREZZA CUI SI APPLICA LA PRESENTE DIRETTIVA DEVONO RISPONDERE AI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E DI SALUTE PREVISTI DALL'ALLEGATO I O CONSENTIRE AGLI ASCENSORI SUI QUALI SONO MONTATI DI RISPONDERE AI SUDDETTI REQUISITI ESSENZIALI.



    ARTICOLO 4
    1. GLI STATI MEMBRI NON POSSONO VIETARE, LIMITARE O OSTACOLARE LA COMMERCIALIZZAZIONE E LA MESSA IN SERVIZIO NEL LORO TERRITORIO DI ASCENSORI E/O DI COMPONENTI DI SICUREZZA CHE SIANO CONFORMI ALLA PRESENTE DIRETTIVA.
    2. GLI STATI MEMBRI NON POSSONO VIETARE, LIMITARE OD OSTACOLARE LA COMMERCIALIZZAZIONE DI COMPONENTI DESTINATI, PER DICHIARAZIONE DEL FABBRICANTE O DEL SUO MANDATARIO STABILITO NELLA COMUNITÀ, AD ESSERE INCORPORATI IN UN ASCENSORE CUI SI APPLICHI LA PRESENTE DIRETTIVA.



    ARTICOLO 5
    1. GLI STATI MEMBRI CONSIDERANO CONFORMI A TUTTE LE PRESCRIZIONI DELLA PRESENTE DIRETTIVA, COMPRESE LE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ DI CUI AL CAPITOLO II, GLI ASCENSORI ED I COMPONENTI DI SICUREZZA MUNITI DELLA MARCATURA CE E ACCOMPAGNATI DALLA DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO II. IN MANCANZA DI NORME ARMONIZZATE, GLI STATI MEMBRI ADOTTANO LE DISPOSIZIONI CHE RITENGONO NECESSARIE AFFINCHÉ SIANO PORTATE A CONOSCENZA DEGLI INTERESSATI LE NORME E LE SPECIFICHE TECNICHE NAZIONALI ESISTENTI CONSIDERATE IMPORTANTI O UTILI PER LA CORRETTA APPLICAZIONE DEI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E DI SALUTE DI CUI ALL'ALLEGATO I.
    2. OVE UNA NORMA NAZIONALE, CHE RECEPISCE UNA NORMA ARMONIZZATA I CUI ESTREMI SIANO STATI PUBBLICATI NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, PREVEDA UNO O PIÙ REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E DI SALUTE, L'ASCENSORE COSTRUITO IN CONFORMITÀ DI TALE NORMA NAZIONALE CONSIDERATO CONFORME AI REQUISITI ESSENZIALI DI CUI SI TRATTA- IL COMPONENTE DI SICUREZZA FABBRICATO IN CONFORMITÀ DI TALE NORMA NAZIONALE CONSIDERATO ATTO A CONSENTIRE ALL'ASCENSORE SU CUI SIA CORRETTAMENTE MONTATO DI RISPONDERE AI REQUISITI ESSENZIALI DI CUI SI TRATTA. GLI STATI MEMBRI PUBBLICANO GLI ESTREMI DELLE NORME NAZIONALI CHE RECEPISCONO LE NORME ARMONIZZATE.
    3. GLI STATI MEMBRI SI ACCERTANO CHE SIANO PRESE LE MISURE APPROPRIATE PER PERMETTERE ALLE PARTI SOCIALI DI INFLUIRE, A LIVELLO NAZIONALE, SUL PROCESSO DI ELABORAZIONE E SUL CONTROLLO DELLE NORME ARMONIZZATE.



    ARTICOLO 6
    1. UNO STATO MEMBRO O LA COMMISSIONE, QUALORA RITENGA CHE LE NORME ARMONIZZATE DI CUI ALL'ARTICOLO 5, PARAGRAFO 2 NON RISPONDANO COMPLETAMENTE AI REQUISITI ESSENZIALI DI CUI ALL'ARTICOLO 3, ADISCE IL COMITATO ISTITUITO DALLA DIRETTIVA 83/189/CEE ESPONENDO I MOTIVI. IL COMITATO EMETTE UN PARERE D'URGENZA. SULLA BASE DEL PARERE DEL COMITATO, LA COMMISSIONE COMUNICA AGLI STATI MEMBRI L'EVENTUALE NECESSITÀ DI RITIRARE LE NORME IN QUESTIONE DALLE PUBBLICAZIONI DI CUI ALL'ARTICOLO 5, PARAGRAFO 2.
    2. LA COMMISSIONE PUÒ ADOTTARE LE MISURE APPROPRIATE PER ASSICURARE L'APPLICAZIONE PRATICA UNIFORME DELLA PRESENTE DIRETTIVA, SECONDO LA PROCEDURA PREVISTA AL PARAGRAFO 3.
    3. LA COMMISSIONE ASSISTITA DA UN COMITATO PERMANENTE COMPOSTO DAI RAPPRESENTANTI DEGLI STATI MEMBRI E PRESIEDUTO DA UN RAPPRESENTANTE DELLA COMMISSIONE. IL COMITATO PERMANENTE ELABORA IL SUO REGOLAMENTO INTERNO. IL RAPPRESENTANTE DELLA COMMISSIONE SOTTOPONE AL COMITATO PERMANENTE UN PROGETTO DELLE MISURE DA ADOTTARE. IL COMITATO, ENTRO UN TERMINE CHE IL PRESIDENTE PUÒ FISSARE IN FUNZIONE DELL'URGENZA DELLA QUESTIONE IN ESAME, FORMULA IL SUO PARERE SUL PROGETTO, EVENTUALMENTE PROCEDENDO A VOTAZIONE. IL PARERE ISCRITTO A VERBALE; INOLTRE, CIASCUNO STATO MEMBRO HA IL DIRITTO DI CHIEDERE CHE LA PROPRIA POSIZIONE FIGURI A VERBALE. LA COMMISSIONE TIENE IN MASSIMA CONSIDERAZIONE IL PARERE FORMULATO DAL COMITATO PERMANENTE. ESSA LO INFORMA DEL MODO IN CUI HA TENUTO CONTO DEL SUO PARERE.
    4. IL COMITATO PERMANENTE PUÒ INOLTRE ESAMINARE QUALSIASI QUESTIONE RELATIVA ALL'APPLICAZIONE DELLA PRESENTE DIRETTIVA SOLLEVATA DAL SUO PRESIDENTE, SIA SU INIZIATIVA DI QUEST'ULTIMO CHE SU RICHIESTA DI UNO STATO MEMBRO.



    ARTICOLO 7
    1. LO STATO MEMBRO, IL QUALE CONSTATI CHE UN ASCENSORE O UN COMPONENTE DI SICUREZZA, MUNITO DELLA MARCATURA CE ED UTILIZZATO CONFORMEMENTE ALLA SUA DESTINAZIONE, METTE A RISCHIO LA SICUREZZA E LA SALUTE DELLE PERSONE ED EVENTUALMENTE LA SICUREZZA DEI BENI, PRENDE TUTTE LE MISURE NECESSARIE PER RITIRARLO DAL MERCATO, VIETARNE LA COMMERCIALIZZAZIONE E LA MESSA IN SERVIZIO O LIMITARNE LA LIBERA CIRCOLAZIONE. LO STATO MEMBRO INFORMA IMMEDIATAMENTE LA COMMISSIONE DELLA MISURA ADOTTATA, PRECISANDONE I MOTIVI, ED INDICANDO IN PARTICOLARE SE LA MANCATA CONFORMITÀ DOVUTA:
    A) AL MANCATO RISPETTO DEI REQUISITI ESSENZIALI DI CUI ALL'ARTICOLO 3;
    B) AD UNA SCORRETTA APPLICAZIONE DELLE NORME DI CUI ALL'ARTICOLO 5,PARAGRAFO 2;
    C) AD UNA LACUNA DELLE NORME DI CUI ALL'ARTICOLO 5, PARAGRAFO 2.
    2. LA COMMISSIONE PROCEDE QUANTO PRIMA A CONSULTAZIONI CON LE PARTI INTERESSATE. SE DOPO TALI CONSULTAZIONI ESSA CONSTATA:
    CHE IL PROVVEDIMENTO GIUSTIFICATO, ESSA NE INFORMA IMMEDIATAMENTE LO STATO MEMBRO CHE HA PRESO LA MISURA E GLI ALTRI STATI MEMBRI; QUALORA LA DECISIONE DI CUI AL PARAGRAFO 1 SIA MOTIVATA DA CARENZE ESISTENTI NELLE NORME, LA COMMISSIONE, DOPO AVER CONSULTATO LE PARTI INTERESSATE, ADISCE IL COMITATO DI CUI ALL'ARTICOLO 6, PARAGRAFO 1, SE LO STATO MEMBRO CHE HA ADOTTATO IL PROVVEDIMENTO INTENDE MANTENERLO, ED AVVIA LA PROCEDURA PREVISTA ALL'ARTICOLO 6, PARAGRAFO 1;
    CHE IL PROVVEDIMENTO INGIUSTIFICATO, ESSA NE INFORMA IMMEDIATAMENTE LO STATO MEMBRO CHE HA PRESO LA MISURA NONCHÉ L'INSTALLATORE DELL'ASCENSORE, IL FABBRICANTE DEI COMPONENTI DI SICUREZZA O IL SUO MANDATARIO STABILITO NELLA COMUNITÀ.
    3. SE UN ASCENSORE O UN COMPONENTE DI SICUREZZA NON CONFORME MUNITO DELLA MARCATURA CE, LO STATO MEMBRO COMPETENTE ADOTTA NEI CONFRONTI DI CHI ABBIA APPOSTO LA MARCATURA LE MISURE DEL CASO E NE INFORMA LA COMMISSIONE E GLI ALTRI STATI MEMBRI.
    4. LA COMMISSIONE PROVVEDE AFFINCHÉ GLI STATI MEMBRI SIANO INFORMATI DELLO SVOLGIMENTO E DEI RISULTATI DI QUESTO PROCEDIMENTO.




    CAPITOLO II
    PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ


    ARTICOLO 8
    1. PRIMA DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI COMPONENTI DI SICUREZZA ELENCATI NELL'ALLEGATO IV, IL FABBRICANTE DI UN COMPONENTE DI SICUREZZA O IL SUO MANDATARIO STABILITO NELLA COMUNITÀ DEVE:
    A)
    I) PRESENTARE IL MODELLO DEL COMPONENTE DI SICUREZZA PER UN ESAME CE DEL TIPO CONFORME ALL'ALLEGATO V E SOTTOPORLO A CONTROLLI DELLA PRODUZIONE DA PARTE DI UN ORGANISMO NOTIFICATO AI SENSI DELL'ALLEGATO XI;
    II) OPPURE PRESENTARE IL MODELLO DEL COMPONENTE DI SICUREZZA PER UN ESAME CE DEL TIPO CONFORME ALL'ALLEGATO V E APPLICARE UN SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ CONFORME ALL'ALLEGATO VIII PER IL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE;
    III) OPPURE APPLICARE UN SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ COMPLETO CONFORME ALL'ALLEGATO IX;
    B) APPORRE LA MARCATURA CE+ SU CIASCUN COMPONENTE DI SICUREZZA E REDIGERE UNA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ RECANTE GLI ELEMENTI INDICATI NELL'ALLEGATO II, TENENDO CONTO DELLE PRESCRIZIONI PREVISTE NELL'ALLEGATO DI RIFERIMENTO (ALLEGATO VIII, IX O XI SECONDO I CASI);
    C) CONSERVARE UNA COPIA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ PER DIECI ANNI A DECORRERE DALL'ULTIMA DATA DI FABBRICAZIONE DEL COMPONENTE DI SICUREZZA.
    2. PRIMA DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DI UN ASCENSORE, QUESTO DEVE AVERE COSTITUITO OGGETTO DI UNA DELLE SEGUENTI PROCEDURE:
    I) QUALORA ESSO SIA STATO PROGETTATO IN CONFORMITÀ AD UN ASCENSORE SOTTOPOSTO ALL'ESAME CE+ DEL TIPO DI CUI ALL'ALLEGATO V, ESSO COSTRUITO, INSTALLATO E PROVATO ATTUANDO
    IL CONTROLLO FINALE DI CUI ALL'ALLEGATO VI OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XII OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XIV.
    LE PROCEDURE RELATIVE ALLE FASI DI PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE, DA UN LATO, E QUELLE DI INSTALLAZIONE E DI PROVA, DALL'ALTRO LATO, POSSONO ESSERE COMPIUTE SULLO STESSO ASCENSORE.
    II) QUALORA ESSO SIA STATO PROGETTATO IN CONFORMITÀ AD UN ASCENSORE MODELLO SOTTOPOSTO ALL'ESAME CE+ DEL TIPO DI CUI ALL'ALLEGATO V, ESSO COSTRUITO, INSTALLATO E PROVATO ATTUANDO
    IL CONTROLLO FINALE DI CUI ALL'ALLEGATO VI OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XII OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XIV.
    III) QUALORA ESSO SIA STATO PROGETTATO IN CONFORMITÀ AD UN ASCENSORE PER IL QUALE SIA STATO ATTUATO UN SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ CONFORME ALL'ALLEGATO XIII, INTEGRATO DA UN CONTROLLO DEL PROGETTO OVE QUESTO NON SIA INTERAMENTE CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE, ESSO COSTRUITO, INSTALLATO E PROVATO ATTUANDO
    IL CONTROLLO FINALE DI CUI ALL'ALLEGATO VI OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XII OPPURE
    IL SISTEMA DI GARANZIA QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XIV.
    IV) ESSERE STATO SOTTOPOSTO ALLA PROCEDURA DI VERIFICA DELL'UNITÀ, DI CUI ALL'ALLEGATO X, AD OPERA DI UN ORGANISMO NOTIFICATO.
    V) ESSERE STATO SOTTOPOSTO ALLE PROCEDURE GARANZIA DI QUALITÀ DI CUI ALL'ALLEGATO XIII, INTEGRATE DA UN CONTROLLO DEL PROGETTO SE QUEST'ULTIMO NON INTERAMENTE CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE. NEI CASI DI CUI AI PUNTI I), II) E III), LA PERSONA RESPONSABILE DEL PROGETTO DEVE FORNIRE ALLA PERSONA RESPONSABILE DELLA COSTRUZIONE, DELL'INSTALLAZIONE E DELLE PROVE, TUTTA LA DOCUMENTAZIONE E LE INDICAZIONI NECESSARIE AFFINCHÉ QUESTE OPERAZIONI SI POSSANO SVOLGERE IN PIENA SICUREZZA. 3. IN TUTTI I CASI MENZIONATI AL PARAGRAFO 2,
    L'INSTALLATORE APPONE LA MARCATURA CE ALL'ASCENSORE E REDIGE UNA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ RECANTE GLI ELEMENTI INDICATI NELL'ALLEGATO II, TENENDO CONTO DELLE PRESCRIZIONI PREVISTE NELL'ALLEGATO DI RIFERIMENTO (ALLEGATO VI, X, XII, XIII O XIV SECONDO I CASI),
    L'INSTALLATORE DEVE CONSERVARE UNA COPIA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ PER DIECI ANNI A DECORRERE DALLA DATA DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DELL'ASCENSORE,
    LA COMMISSIONE, GLI STATI MEMBRI E GLI ALTRI ORGANISMI NOTIFICATI POSSONO OTTENERE DALL'INSTALLATORE, SU RICHIESTA, UNA COPIA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ E DEI VERBALI DELLE PROVE RELATIVE ALL'ESAME FINALE.
    4. A) QUALORA GLI ASCENSORI O I COMPONENTI DI SICUREZZA COSTITUISCANO OGGETTO DI ALTRE DIRETTIVE RELATIVE AD ASPETTI DIVERSI E CHE PREVEDONO L'APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE, QUESTA INDICA ANCHE CHE GLI ASCENSORI O I COMPONENTI DI SICUREZZA SI PRESUMONO CONFORMI ALLE DISPOSIZIONI DI QUESTE ALTRE DIRETTIVE.
    B) TUTTAVIA, NEL CASO IN CUI UNA O PIÙ DI DETTE DIRETTIVE LASCINO AL FABBRICANTE LA FACOLTÀ DI SCEGLIERE IL REGIME DA APPLICARE DURANTE UN PERIODO TRANSITORIO, LA MARCATURA CE INDICA CHE GLI ASCENSORI O I COMPONENTI DI SICUREZZA SONO CONFORMI SOLTANTO ALLE DISPOSIZIONI DELLE DIRETTIVE APPLICATE DALL'INSTALLATORE O DAL FABBRICANTE. IN TAL CASO, I RIFERIMENTI ALLE DIRETTIVE APPLICATE, PUBBLICATI NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, DEVONO ESSERE RIPORTATI NEI DOCUMENTI, NELLE AVVERTENZE O NEI FOGLI DI ISTRUZIONE STABILITI DALLE DIRETTIVE E CHE ACCOMPAGNANO L'ASCENSORE O IL COMPONENTE DI SICUREZZA.
    5. QUALORA NÉ L'INSTALLATORE DELL'ASCENSORE NÉ IL FABBRICANTE DEL COMPONENTE DI SICUREZZA, NÉ IL SUO MANDATARIO STABILITO NELLA COMUNITÀ ABBIANO SODDISFATTO GLI OBBLIGHI PREVISTI DAI PARAGRAFI PRECEDENTI, TALI OBBLIGHI INCOMBONO ALLA PERSONA CHE COMMERCIALIZZA L'ASCENSORE O IL COMPONENTE DI SICUREZZA SUL MERCATO COMUNITARIO. GLI STESSI OBBLIGHI INCOMBONO A CHI COSTRUISCE L'ASCENSORE O IL COMPONENTE DI SICUREZZA PER USO PERSONALE.



    ARTICOLO 9
    1. CIASCUNO STATO MEMBRO NOTIFICA ALLA COMMISSIONE E AGLI ALTRI STATI MEMBRI GLI ORGANISMI DA ESSO DESIGNATI PER ESPLETARE LE PROCEDURE DI CUI ALL'ARTICOLO 8, NONCHÉ I COMPITI SPECIFICI E LE PROCEDURE D'ESAME PER I QUALI TALI ORGANISMI SONO STATI DESIGNATI E I NUMERI DI IDENTIFICAZIONE CHE SONO STATI LORO ATTRIBUITI IN PRECEDENZA DALLA COMMISSIONE. LA COMMISSIONE PUBBLICA NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, PER INFORMAZIONE, UN ELENCO DEGLI ORGANISMI NOTIFICATI IN CUI FIGURANO I LORO NUMERI DI IDENTIFICAZIONE, NONCHÉ I COMPITI PER I QUALI SONO STATI NOTIFICATI. ESSA PROVVEDE ALL'AGGIORNAMENTO DI TALE ELENCO.
    2. PER LA VALUTAZIONE DEGLI ORGANISMI NOTIFICATI, GLI STATI MEMBRI APPLICANO I CRITERI PREVISTI NELL'ALLEGATO VII. SI PRESUME CHE GLI ORGANISMI CHE SODDISFANO AI PARAMETRI DI VALUTAZIONE PREVISTI NELLE NORME ARMONIZZATE PERTINENTI RISPONDANO A TALI CRITERI.
    3. UNO STATO MEMBRO CHE ABBIA NOTIFICATO UN DETERMINATO ORGANISMO REVOCA LA NOTIFICA QUALORA CONSTATI CHE L'ORGANISMO STESSO NON SODDISFA PIÙ AI CRITERI DI CUI ALL'ALLEGATO VII. ESSO NE INFORMA IMMEDIATAMENTE LA COMMISSIONE E GLI ALTRI STATI MEMBRI.

  • SUCC. >>


  • TUFO ASCENSORI s.a.s.
    DI TUFO GIUSEPPE & C.
    VIA BEN HUR 71 - 80126 NAPOLI - ITALY
    TEL. 081.2412269 - TEL/FAX 081.2413403
    P.I. 07632860636







    WEBMASTER
    Ing. TOMMASO COPPOLA